139 items tagged "Monza"

  • Profughi. Un aiuto reciproco

    Nuovo capitolo dal libro “Delfini nel Lambro”. Roberto Scanagatti risponde alle domande di Angelo Longoni a proposito di migranti e servizi sociali

  • Pulizie di primavera a Monza

    Pulizie di primavera 2016Ogni anno il Comune di Monza organizza una giornata dedicata alla pulizia della cittàe al suo abbellimento.
    Un momento di partecipazione e di condivisione del bene comune che vede impegnati migliaia di cittadini, studenti, bambini, associazioni, riuniti intorno ad un obiettivo comune: migliorare la propria città.

  • Pulizie di primavera da record: 4500 volontari civici in più di 100 luoghi della città.

    Sindaco Scanagatti: “Evento ormai entrato di diritto tra le manifestazioni di impegno civile cittadine”

     

    giardini via boezio (1)

  • Pulizie di primavera: al via la quarta edizione

    Via alla quarta edizione delle Pulizie di Primavera, la manifestazione che coinvolge i cittadini in una giornata di impegno civico a favore della propria città e che quest'anno si terrà il 10 aprile.

  • Pulizie di Primavera. Insieme Monza è più bella

    Il altro capitolo dal libro “Delfini nel Lambro” dedicato alla partecipazione dei cittadini. Roberto Scanagatti risponde alle domande di Angelo Longoni a proposito

  • Raccolta differenziata, nel 2015 a Monza è salita al 58,3%

    Nel 2015 la raccolta differenziata a Monza si è attestata al 58,3% rispetto al 56% dell'anno precedente. I ricavi complessivi dell'amministrazione comunale derivanti dalla cessione dei rifiuti differenziati ai consorzi di filiera che si occupano del riciclo dei vari materiali e che fanno capo al Conai (Consorzio nazionale riciclo) è stato pari a 1,56 milioni di euro. Bene anche le iniziative di prevenzione dato che la produzione rifiuti procapite su base annua è calata, attestandosi a 421 kg/anno a persona.

  • Rapporto alla città

    rapporto alla cittaIl bilancio provvisorio del mandato dell’amministrazione Scanagatti.

  • Rapporto alla città 2017 - Presentazione

    RAPPCITTA2017 DEF pages to jpg 0001

    Il 29 marzo 2017 il Sindaco Scanagatti e la Giunta hanno  presentato il Rapporto di fine mandato. Un’ora e mezza, durante la quale Sindaco e  Assessori hanno riferito obiettivi e numeri più importanti relativi alle performances  di cinque anni di mandato.

    Scarica la presentazione



  • Rapporto di fine mandato della Giunta Scanagatti

    In queste pagine sono pubblicate le schede sintetiche che illustrano le principali attività realizzate dall'Amministrazione guidata dal Sindaco Roberto Scanagatti (2012-2017), complete di dati di risultato e - ove possibile - di effetto.

    Questo lavoro, culminato nella presentazione del 3° Rapporto alla Città, conclude un percorso di trasparenza e rendicontazione sociale avviato nel 2013 con la presentazione del primo Rapporto alla Città - relativo ai primi 9 mesi di amministrazione - e proseguito nel 2015 con la presentazione del secondo Rapporto, in occasione della metà di mandato.
    È infatti volontà di questa Amministrazione offrire ai cittadini e a tutti gli stakeholder una base informativa chiara e leggibile per favorire una valutazione consapevole delle scelte effettuate, delle attività svolte e dei risultati conseguiti per la comunità e il territorio di riferimento, una vista più dettagliata di quanto già illustrato dalla Giunta nella serata di presentazione aperta a tutta la Città, realizzata il 29 marzo 2017.

    Le schede di rendicontazione sono strutturate in base alle deleghe del Sindaco e di quelle che il Sindaco ha affidato agli Assessori. 
    Si aprono con il relativo estratto degli impegni del Programma di Mandato e descrivono brevemente le principali attività e i risultati ottenuti.

    Presentano anche "Oltre gli impegni": alcuni progetti rilevanti realizzati in aggiunta a quanto previsto e dichiarato nel Programma di Mandato.

    La sezione “Cosa è cambiato”, infine, utilizza dati e indicatori per dare evidenza ai principali risultati ed effetti prodotti sulla Città dalle attività descritte, una prima misurazione dei cambiamenti prodotti nei cinque anni di lavoro dell'Amministrazione.

    Alle schede di rendicontazione si affianca la Relazione di fine mandato , obbligatoria ai sensi dell'art. 4 del D.lgs 149/2011, che contiene la descrizione dettagliata delle principali attività normative e amministrative svolte durante il mandato.

    Sindaco Roberto Scanagatti

    Vicesindaco Cherubina Bertola

    Assessore Carlo Abbà

    Assessore Claudio Colombo

    Assessore Paolo G. Confalonieri

    Assessore Francesca Dell'Aquila

    Assessore Debora Donvito

    Assessore Egidio Longoni

    Assessore Antonio Marrazzo

    Assessore Rosario Montalbano

    Cons.Delegato Silvano Appiani

    Cons. Delegata Laura Morasso

     Contenuti tratti da www.comune.monza.it/

  • Recupero paesaggistico del nuovo Viale Lombardia

    Il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, e l’architetto Andreas Kipar, ideatore del progetto realizzato da Anas, hanno effettuato un sopralluogo per valutare insieme gli esiti, all’indomani del passaggio al Comune della proprietà del viale dopo i lavori realizzati dalla società autostradale.

  • Rischio Lambro, la protezione civile comunale si esercita

  • Scuola Confalonieri, iniziati i lavori di manutenzione straordinaria

    Partiti il 18 dicembre i lavori di manutenzione straordinaria dei servizi igienici della scuola media Confalonieri di via S. Martino, che ospita quasi 600 studenti. Durante l’incontro a metà mese con il Responsabile del servizio prevenzione e protezione e i rappresentanti dei genitori sono state stabilite le linee guida da seguire, decidendo di dividere i lavori in due fasi, così da ridurre al minimo i disagi e limitando i percorsi fuori dalle aree di cantiere.

  • Serietà, onestà e concretezza: la città è ripartita ma vogliamo migliorare insieme ai cittadini. Porteremo la M5 a Monza

     

     

    20170204 monza ci siamo

    “Monza, ci siamo” Sindaco Scanagatti apre campagna per le amministrative 2017

  • Sicurezza del cittadino. Senza paura

    Riprendiamo un altro capitolo dal libro “Delfini nel Lambro”. Roberto Scanagatti risponde alle domande di Angelo Longoni a proposito di sicurezza in città

  • Sindaci e consenso: Scanagatti al 13esimo posto

    L'intervista video a cura de Il Cittadino di Monza e Brianza.

  • Sindaco Scanagatti: "Donne e cooperazione, un bel sabato monzese"

    "Ieri ho partecipato a due appuntamenti importanti. Nell'aula magna dello Zucchi sei donne hanno raccontato del significato dell'otto marzo in modo del tutto fuori dai soliti schemi.

  • Sindaco Scanagatti: "Il nuovo museo di Monza non è un flop"

    "Il nuovo Museo civico Casa degli Umiliati, aperto da questa amministrazione due anni fa, è un gioiello che raccoglie e mette in mostra il meglio della ricca dotazione di opere d’arte custodite dal Comune di Monza. Definire un flop, come ha affermato il Corriere della Sera, l’attività di una sede museale pubblica che ha come missione quella di garantire un’offerta culturale di grande qualità a tutti i cittadini, è riduttivo, oltre che sprezzante per una realtà che andrebbe invece giudicata più per le opere di maestri come Mosè Bianchi, Eugenio Spreafico, Emilio Borsa o per la suggestiva galleria dei ritratti, oppure ancora per le opere di Salvatore Fancello.

  • Smemorandum

    Giorno Tesoretto parco mai speso pages to jpg 0001

    Con un comunicato stampa del Comune di Monza, il Sindaco Allevi mi chiama in causa perché, secondo  lui, le mie sono solo polemiche sterili e mi invita a rinfrescare la memoria.

    I consigli, anche quando non richiesti, sono sempre da prendere sul serio.

    Andiamo allora con ordine nel rammentare ciò che non vorrei fosse stato dimenticato.

    Allevi afferma che il Consorzio ha provveduto a pubblicare i bandi di propria competenza quelli “sottosoglia”.  Non mi pare sia vero perché -  la tabella aiuta a ricordare - i progetti inferiori a 350 mila € sono 19. Quindi mancano almeno altri 14 interventi  per un totale di circa 3.3 milioni di €.

    Allevi elenca i cinque progetti appaltati dal Consorzio da maggio ad oggi. Lui dimentica di precisare, ma io ricordo bene,  che di questi, quattro erano già stati interamente progettati dalla precedente amministrazione. Il quinto è l’affidamento al Politecnico degli atti per il bando del Masterplan.

    Allevi ricorda che la struttura del Consorzio è snella e non può provvedere a svolgere la funzione di stazione appaltante e a questo proposito mi consiglia appunto di rinfrescare la memoria circa gli assetti organizzativi da me voluti. Ho fatto uno sforzo memonico e il risultato è il seguente: in meno di due anni la struttura è stata letteralmente decimata di competenze: sei persone (delle quali due con i titoli per svolgere la funzione di Responsabili del procedimento) sono state perse e almeno due pensionamenti non sono stati reintegrati.

    Allevi sottolinea che l’atto integrativo prevede il possibile coinvolgimento del Parco valle del Lambro per progettare e realizzare i principali interventi del verde. Ricordo che il Consorzio, con la precedente amministrazione, si è occupato direttamente di questo aspetto e che il servizio  di manutenzione del verde è stato appaltato dalla struttura del Consorzio per un importo superiore a 700 mila €. Quindi per un valore ampiamente “soprasoglia”.

    Ricordo infine che il prestigio di una città si rafforza anche in ragione della capacità di dimostrare autonomia e autorevolezza nei confronti degli altri soggetti istituzionali. La delibera Regionale 1252 del 12 febbraio scorso va esattamente nel senso opposto.

    PS: E’ notizia recente, quindi facile da ricordare, che Infrastrutture Lombarde, la società regionale a cui è stata affidata la gestione delle risorse sottratte al Consorzio, sarà sciolta. A partire dall'anno prossimo sarà Aria, la nuova centrale unica  regionale a gestire anche le attività di ILspa. Auguri.

  • Sono solo scuse.

    Pride2

    Libero il sindaco di Monza di negare il patrocinio al Brianza Pride, ma almeno abbia la decenza di non accampare scuse per motivare la decisione. L’elenco degli aderenti è molto più lungo, ricco e variegato di quello snocciolato da Allevi per bollare come “politicizzata” la manifestazione. Quindi la sua è una scelta politica ben precisa che aderisce perfettamente alla linea della destra nostrana in materia di diritti civili. Il manifesto del Pride è molto chiaro: la partecipazione è libera, eppure nessun partito, movimento, associazione o gruppo riconducibile alla galassia della destra ha deciso di aderire. Segnando ancora una volta la distanza che divide non tanto fazioni opposte, quanto piuttosto un diverso modo di concepire la libertà dei sentimenti. Per questo io sabato partecipo. #VieniComeSei.

  • Spending review. I conti son tornati

    Riprendiamo un altro capitolo dal libro “Delfini nel Lambro”. Roberto Scanagatti risponde alle domande di Angelo Longoni a proposito dei tagli della spesa

     

    20170518 municipio

     

  • Su il Cittadino del 22 Novembre 2018

    Cittadino avanzo 15 milioni crollano oneri pages to jpg 0001

  • Sul Cittadino del 10 Gennaio 2019

    Cittadino Scanagatti pgt paralizzato macchina comunale pages to jpg 0001

  • Sul Cittadino del 21 Febbraio 2019

    Cittadino Scanagatti interroghiamoci futuro consorzio pages to jpg 0001

    Cittadino Da triennale a partime pages to jpg 0001

  • Sul Cittadino del 24 Gennaio 2019

    Cittadino piccola pompei monzese nanni valentini pages to jpg 0001

  • Sul Cittadino del 31 Gennaio 2019

    Cittadino cciaa vende sede pages to jpg 0001

  • Sul Cittadino del 7 Febbraio 2019

    Cittadino Minoranze bocciano bilancio pages to jpg 0001

  • Sul Giornale di Monza .it del 9 Gennaio 2019

    GdM Scanagatti no gioco pelle persone pages to jpg 0001

    GdM Scanagatti no gioco pelle persone pages to jpg 0002

  • Sul Giornale di Monza del 19 Febbraio 2019

    GdM Regione si mangia consorzio pages to jpg 0001

    GdM Regione si mangia consorzio pages to jpg 0002

  • Sul Giornale di Monza dell' 8 Gennaio 2019

    GdM cancellate opere pubbliche pages to jpg 0001

  • Sul Giorno del 17 Febbraio 2019

    Giorno Tesoretto parco mai speso pages to jpg 0001

    Giorno Tesoretto parco mai speso pages to jpg 0002

    Giorno Occasione sprecata pages to jpg 0001

  • Sul Giorno del 22 Febbraio 2019

    Giorno caso parco scontro sindaci pages to jpg 0002

  • sul Giorno del 30 maggio 2019

    Giorno gpmonza page 0001

  • Sull’esclusione di Monza dal circuito dei grandi concerti.

    Oggi il Giorno pubblica un articolo che riporta molto bene quello che penso sull’esclusione di Monza dal circuito dei grandi concerti.

    Scoppia la guerra degli I-Days
    Allevi e Scanagatti se le suonano
    Il sindaco: «Ora serve un piano B». L’ex: «Stiamo tornando indietro»

    MONZA si è fatta portar via gli I-Days. Monza ha perso l’evento che ha portato più gente di quanta ne riesca a muovere il Gran premio di Formula Uno. Nemmeno negli anni d’oro del circus. I quattro giorni di musica a metà giugno con una scaletta da capogiro fra Radiohead, Green Day, Linkin Park, Blink 182 e Justin Bieber, aveva richiamato oltre 200mila persone da 85 Paesi del mondo. I quattro giorni di F1 a inizio settembre, invece, hanno popolato l’autodromo con “solo” 185mila appassionati. Il circus iridato tornerà. Ancora almeno per i prossimi due anni. Gli I-Days no. Resta, quello sì, il Brianza Rock Festival, in calendario dal 6 all’8 luglio con una line up ancora da definire. E adesso è scaricabarile. Con il sindaco che corre a precisare che «non è compito del Comune organizzare grandi eventi» ma auspica che «vengano presto individuati nuovi partner idonei a progettare un palinsesto musicale di valore anche per il 2018».

    CON LA SIAS – la società che gestisce il Monza Eni Circuit – che non una virgola ha detto per provare a spiegare il fallimento di una politica che ha fatto scappare gli unici organizzatori disposti a continuare a investire con i “loro” artisti in Monza e nel suo Parco. Perché quel bando per dare in “affitto” l’ormai famoso pratone della Gerascia (8 ettari di verde entro i confini dell’autodromo) non ha retto la competizione con le condizioni offerte da Milano e dall’ex area Expo. A Monza, Live Nation e Indipendente Concerti avrebbero dovuto sottoscrivere un contratto della durata di tre anni (2018-2020) con la possibilità di organizzare – dal 15 giugno al 31 luglio – un massimo di 4 concerti all’anno, pagare un canone di 100mila euro a stagione e anche riconoscere un euro a biglietto con un minimo garantito di 50mila euro per ciascun anno.

    POI SI È AGGIUNTO il Consorzio Parco e Villa che, per portarsi a casa una fetta della torta, ha ipotizzato di far caricare su ogni biglietto una sorta di tassa di soggiorno di un euro. Fuori mercato. Eppure «ho sperato fino all’ultimo che le due società trovassero un accordo per confermare anche nel 2018 i grandi concerti a Monza – la confessione del sindaco Dario Allevi –. Mi dispiace che l’intesa non sia stata raggiunta: ora serve lavorare per trovare presto un palinsesto alternativo». Ma ormai è tardi. I big hanno già pianificato le tappe dei loro tour. E allora si pensa al futuro. E alla speranza che «si possa riportare in città il festival I-Days che a giugno ha richiamato fan e amanti della musica da tutto il mondo – auspica Allevi – perché Monza ha tutte le carte in regola per ospitare eventi di questa portata che è doveroso quindi recuperare».

    ANCHE SE sarebbero stato doveroso non perderli. E allora restano «il rammarico e la delusione perché gli sforzi fatti, anche grazie all’impegno dell’ex presidente di Sias, Andrea Dell’Orto, e dell’ex direttore del Consorzio, Lorenzo Lamperti, affinché ci fossero concerti importanti nel Parco sono stati notevoli», rimarca l’ex sindaco Roberto Scanagatti. Non nasconde l’amarezza perché «stiamo tornando indietro». Perché

    «chi doveva non è stato capace di guardare oltre e di accorgersi di un ritorno economico più ampio del singolo euro in più a biglietto». Con orgoglio, nei giorni scorsi Scanagatti ha pubblicato sulla sua pagina Facebook l’Annuario dello spettacolo Siae che certifica il concerto di Ligabue al Parco di Monza come l’evento musicale che nel 2016 ha registrato il maggior numero di spettatori in Italia. «Ligabue come i grandi artisti hanno scelto Monza e il suo Parco perché la differenza rispetto ad altre location è la bellezza del luogo – spiega –: oggi non sono stati capaci di “vendere” quella suggestione». Oggi, per il momento, Monza si ritrova a mani vuote.

    E «SONO PREOCCUPATO quando sento parlare di ripiegare su eventi di minore portata – il timore dell’ex sindaco –. Il Parco può ospitare un paio di grandi concerti all’anno, con grossi organizzatori in grado di assicurare standard di altissimo livello anche, e soprattutto, nella tutela dell’ambiente». Ma se la Monza rockstar dell’ultimo anno è fuori dai tour del 2018, «la responsabilità è anche del sindaco che non può tirarsi indietro – la stoccata di Scanagatti –. Il sindaco è anche presidente del Consorzio, ente che ha la responsabilità diretta di tutti gli eventi nel Parco e in Villa. Il Comune, con il Consorzio, dev’essere ente promotore e non limitarsi a fare da esattore sui biglietti».

    23915739 1480045935442550 873075590599350657 n

  • Tariffe nidi, accordo tra genitori e Comune: gli aumenti saranno più contenuti

    Accordo raggiunto sulla revisione delle tariffe tra Comune e la rappresentanza dei genitori dei bambini iscritti nei nidi comunali.

  • Taxi a Monza, servizio ampliato e rinnovato. Ora anche corse notturne

    Dopo circa un anno di studi e trattative il Comune, Radio Taxi Monza e Taxi Blu hanno attivato una cooperazione che permette alla città di Monza di avere un servizio rinnovato e qualitativamente superiore, superando la sproporzione attualmente esistente tra il numero di taxi disponibili e il numero di abitanti.

  • Torna MonzaEcoFest, il festival della sostenibilità promosso dal comune

    Sabato 10 e domenica 11 ottobre, all’Urban Center Binario 7 di Monza (Via Turati 6), si terrà la terza edizione di MonzaEcoFest, iniziativa del Comune di Monza per promuovere tra cittadini e in collaborazione con le numerose associazioni di Monza e della Brianza i temi della sostenibilità. Come già nelle passate edizioni - che hanno visto la partecipazione di oltre 4000 visitatori e 30 associazioni - sono in programma incontri, film, spettacoli teatrali, concerti, mostre, iniziative per bambini e altro ancora.

  • Tremetriezerocinque

    foto cherry

    Nel marzo del 2017 avevamo sottoscritto con un gruppo di ragazzi un patto di collaborazione: il Comune ristruttura il campetto da basket di via Tolomeo (il Cherry Court per quelli dell’ambiente) e voi che ci giocate, lo curate.

    I “nuovi” arrivati - quelli del #dettofatto – hanno impiegato più di un anno poi finalmente i lavori sono terminati. Giovedì 13 settembre l’inaugurazione ufficiale anche se da luglio è aperto.

    I cestisti sono una categoria che si accontenta di poco. Purtroppo alcuni hanno piedi che sembrano valigie, ma anche i piccoletti su quel campo faticano a metterla da tre: la segnatura del tiro quasi si sovrappone con la linea laterale (eppure di spazio attorno ce n’è in abbondanza). Fin qui qualcuno dirà “non facciamo i difficili, avercene…”

    Eppure qualcosa rende unico nel suo genere il new Cherry di via Tolomeo ed è l’altezza dei canestri. Sì, perché solo uno dei due è ai canonici 3,05 mt dal suolo. L’altro, per motivi del tutto misteriosi, è alto molto di più!

    Di solito sono le altezze dei giocatori che fanno la differenza. Al Cherry quella dei canestri.

    Qualcuno avrebbe dovuto collaudare l’impianto prima di aprirlo e magari, tra un selfie e l’altro, farci un giretto cosi, tanto per controllare. Fatto sta che nei primi mesi di apertura si è giocato a un canestro solo.Per le partite a tutto campo i cestisti nostrani emigrano in massa a Villasanta. Dove si vince e si perde in modo sportivo su un campo normale. Senza la scusa del canestro. #notiziegratis  #tremetriezerocinque  #famolostrano

  • Tutti i numeri delle Pulizie di primavera

    FB IMG 1460294586355L’edizione 2016 delle Pulizie di primavera è stata da record. In cento cantieri (erano 97 a inizio settimana) si sono dati da fare per abbellire Monza più di 4000 cittadini, tra cui un migliaio di bambini nelle scuole.

  • Via libera alla legge contro gli sprechi alimentari. Scanagatti: "Monza da tempo in prima linea con la campagna Tenga il resto"

    tenga il resto"Con l'approvazione della legge contro lo spreco alimentare si conferma la bontà delle iniziative che il nostro comune ha adottato da tempo e grazie alle quali Monza può ben dirsi all'avanguardia su un tema cruciale per il nostro futuro.

EasyTagCloud v2.8

Queto sito utilizza i cookie. Per continuare a leggere, dichiara di aver letto e compreso.